Cos’è e come preparare il lievito madre

I vantaggi nutrizionali del pane fatto con il lievito madre sono stati ampiamente dimostrati per molti anni, tuttavia c’è molta confusione su cosa sia esattamente questo tipo di lievito.

Includere i prodotti a lievitazione naturale nella nostra dieta, in particolare il pane, è una delle raccomandazioni dietetiche più in voga da molto tempo, quindi il suo consumo è salito alle stelle anno dopo anno. È così di moda che molti lo consumano senza sapere veramente in cosa consiste o perché se ne possa trarre innumerevoli vantaggi.

Il lievito madre non è altro che un fermento composto da farina e acqua che non contiene alcun tipo di lievito aggiunto ma è la farina stessa, in cui sono presenti innumerevoli lieviti e batteri, che fa fermentare spontaneamente l’impasto.

Per quanto riguarda il motivo per cui è preferibile consumare pane a lievitazione naturale rispetto ad altri tipi di pane basti sapere che il pane industriale è solitamente ottenuto da lieviti chimici e il suo processo di fermentazione dura solitamente da una a due ore, mentre quello con il lievito naturale dura normalmente fino a circa 24 ore di fermentazione. Ciò che si ottiene con questa lunga fermentazione è una sorta di predigestione in cui i nutrienti della farina vengono elaborati e in questo modo vengono meglio assimilati dal corpo, conferendo sapore e proprietà organolettiche diverse e rendendo il pane più sano e gustoso e con una diversa acidità.

Inoltre, i pani lievitati sono molto gonfiati, sono grandi, come più soffici all’interno e molto più leggeri. La conseguenza è che si asciugano molto velocemente e diventano subito duri, durano al massimo un giorno, mentre quelli a lievitazione naturale durano 4 o 5 giorni e sono molto più pesanti.

Molte persone sono interessate ai consigli pratici sulla realizzazione del pane a lievitazione naturale che può trasmettere una sensazione di soddisfazione unica sia per il semplice fatto di vedere crescere il proprio lievito madre oltre che per i meravigliosi panini che ti consentirà di avere negli anni.

Di cosa abbiamo bisogno per realizzarlo?

Farina, acqua e pazienza a grandi dosi.

Per iniziare a produrre il nostro lievito madre vi consiglio di utilizzare farine integrali o di segale che ti consentiranno di risparmiare tempo. Abbiamo bisogno che l’acqua sia priva di cloro, sappiatelo se vivete in un’area che sappiamo ne ha una grande quantità.

Il cloro inibisce la crescita dei batteri ed è proprio quello che dobbiamo evitare. Per rimuoverlo dall’acqua non ci resta che lasciare il contenitore che contiene l’acqua per una notte scoperta. Ma non sarà un passo necessario o che desterà particolare attenzione a meno che non sappiate che l’acqua nella vostra zona ha molto cloro.

Come si prepara il lievito madre?

Il procedimento è abbastanza semplice dato che ti servono solo farina, acqua e un luogo caldo per farla riposare (tra 24 e 28 ° C).

Processo:

  1. Mescolare 100 ml di acqua con 100 g di farina fino a ottenere una consistenza omogenea. Lascia riposare per 24 ore per generare il lievito e i batteri che cresceranno durante quel periodo.
  2. Il giorno successivo prendere metà dell’impasto e aggiungere altri 100 ml di acqua con altri 100 g di farina, impastare e lasciar riposare nuovamente.
  3. Ripeti questa procedura per 6 giorni consecutivi. A quel punto, sarai pronto per creare il tuo pane.

Attenzione: è importante “nutrirlo” settimanalmente con farina e acqua come nel processo di creazione in modo che non si rovini e possa durare una vita. Un lievito maturo e attivo dovrà essere alimentato ogni 8-10 ore a una temperatura di circa 27ºC. Se la temperatura varia, potrebbe essere necessario un tempo più o meno lungo per crescere.

Comments are closed.